SACRA FAMIGLIA: DOMENICA CON IL CORO GOSPEL

Olbia – Partecipata la serata all’insegna della sensibilità verso l’autismo promossa dalla Parrocchia della Sacra Famiglia con l’associazione Sensibilmente e il Coro Tell Thee Gospel.

L’iniziativa è volta anche ma non solo e rientra in un quadro di eventi periodici alla raccolta fondi da devolvere alle famiglie di soggetti autistici in difficoltà economiche o per il finanziamento delle attività culturali dell’associazione. 

Per chi volesse saperne di più su come sostenere l’attività dell’associazione può contattarli direttamente sul loro sito internet.

Photo Credit: Riccardo Bianchi, Special Thanks – SegniBianchi

PROBLEMA IDROGEOLOGICO? QUALCUNO PRIMA O POI DOVEVA PUR RISOLVERLO

OLBIA – Se da una parte il problema è squisitamente idrogeologico viene il dubbio che dall’altra sia pure economico. Ma come facciamo ad essere ancora in questa situazione? Pochi soldi? Materiali sbagliati? L’importante dai è non scoraggiarsi.

UN LETTORE

Ti piace la foto?

Si

PANICO AL PRONTO SOCCORSO: GIOVANE RISCHIA IL LINCIAGGIO

OLBIA: Un giovane di origini marocchine di 18 anni ha rischiato il linciaggio fuori dal Pronto Soccorso del San Giovanni di Dio. Intorno alle 18 di stasera, il ragazzo, più che spavaldo, dopo aver molestato verbalmente con proposte intime e sfacciate una giovanissima studentessa di Olbia minorenne, di fronte alla madre terrorizzata e a testimoni increduli, è stato accompagnato con persuasione oltre l’accettazione dalle due persone che erano con lui. Provvidenziale e risolutivo l’intervento dei medici in servizio unitamente ai sette uomini tra carabinieri e polizia intervenuti e alle tre guardie. Il giovane è stato ricoverato presumibilmente in psichiatria con un trattamento obbligatorio. Ferita almeno una guardia e sembrerebbe anche un infermiere.

[corner-ad id=”1″]


VERTENZA LATTE: DUE AUTOCISTERNE NEL MIRINO DEI PASTORI

Olbia – Stando ad alcune fonti all’interno del movimento dei pastori, sono scese stamattina dal porto di Olbia, le tenevano sotto controllo dalla partenza. Secondo il programma diffuso sui social il presidio-protesta si sarebbe spostato all’uscita di Olbia, all’ingresso della 131. Dal comunicato diffuso in rete anche per stamattina sono previsti blocchi e sversamenti a partire dalle ore 8.30 – 9.00 (am). Protesta organizzata anche difronte alla regione.

Pubblicato alle ore 08.40

PRESIDIO E POSTO DI BLOCCO DEI PASTORI AL PORTO DI OLBIA

VERTENZA LATTE – PROTESTA PASTORI

OLBIA: Il porto è ormai presidiato da una trentina di pastori provenienti da tutta la Sardegna che si sono appostati per la protesta. <<Ormai abbiamo iniziato la guerra e la portiamo fino alla fine!>> dice così uno dei primi ad arrivare alla stazione marittima. Sorvegliati da almeno diciassette uomini delle forze dell’ordine tra carabinieri, polizia e guardia di finanza, controllati dalle telecamere della Digos, loro restano li, decisi e determinati a bloccare le autocisterne cariche di latte o derivati e i camion frigo che potrebbero sbarcare o imbarcare. <<Latte non ne entra in Sardegna! Se arriva finisce rovesciato a terra! Se cercano di portarlo fuori finisce a terra!>> fa sapere un portavoce dei pastori proveniente da Orgosolo. Controllano tutto. Bolle, carichi…aprono e chiudono gli sportelloni dei tir neanche fossero una squadra dei NAS. Uno dopo l’altro, per ore, tir dopo tir…sono sottoposti al setaccio dei pastori. Non si risparmiano nemmeno le frecciatine alle forze dell’ordine: <<E ma voi dovreste controllare di più…>> dal canto loro le forze dell’ordine ci tengono a mettere in chiaro un paio di punti:<<un conto è una protesta, altra cosa sono i reati…noi vi capiamo…ma occhio a non commettere reati!>>.

Stando ad una “soffiata” con il traghetto delle diciotto dovrebbe essere arrivata un’autocisterna carica di latte. A quanto pare l’unica nei paraggi. Il trasportatore starebbe nascondendo il mezzo dentro il traghetto con l’aiuto degli ufficiali di bordo e dell’autorità portuale.

Qualcuno sospetta che sia nella zona sterile del porto ma c’è anche chi dice che è tra i parcheggi più bui della stazione marittima.

La notte, fino alla mungitura è piuttosto lunga. L’ultimo controllo, effettuato nei parcheggi, è stato intorno alle diciassette, poi hanno presidiato la due corsie per i tir.

Tutte le autobotti parcheggiate sono state controllate una ad una e sono risultate vuote tranne una carica di vino proveniente da Cagliari. Si è sparsa la voce. Meglio non viaggiare. <<A Tertenia stanno caricando il latte nei bidoni..>> fa sapere l’autista di Cagliari, simpatizzante.

Il “check point” dei pastori andrà avanti fino al mattino e se non cambia niente a detta loro, continuerà ad oltranza.